Crea sito

SICILIANO SONO, recensione singolo/video MUNDO MALO + intervista

12028650_10152931646241191_3437637947443479108_o

“Mundo Malo” è il nuovo singolo della band Siciliano Sono, primo assaggio del secondo disco di inediti in uscita nell’estate 2016. La band siciliana torna con un brano in lingua spagnola dal sapore latino e dal profumo di Sicilia, un mix di rumba e cumbia con incursioni elettro-acustiche che si fondono a sonorità reggaeton e funky/rap davvero interessanti; un ritmo che incalza e pulsa fino a farti muovere dalla sedia. Da sempre la band ha cercato, attraverso i propri brani, di raccontare la parte più vera e reale di una società del nostro tempo, una condizione politica e sociale di un mondo “violentato” dal potere. Il nuovo singolo, che riassume i temi portanti di tutto l’album, è frutto di un differente approccio della band che si allontana dalla propria cultura natia per lasciarsi coinvolgere da tradizioni oltremare e sperimentare nuovi ritmi e lingue; un’influenza che però non intacca le radici ben salde delle proprie origini. Il testo (scritto da Biagio Marino cantante e front man della band) spinge alla riflessione di un tema che mai come oggi risulta essere di estrema attualità: un’osservazione disincantata della realtà, una società in preda alla violenza e all’egoismo che degenera in guerre, terrorismo e lotta al potere. Una situazione candidamente rispecchiata nell’uomo che spera in un ritorno ai valori fondamentali della vita e ai sentimenti veri. Un lavoro di ricerca tra nuovi suoni e parole ha portato ad esprimere al meglio un unico messaggio: siamo tutti figli dello stesso pianeta Terra, un paradiso in cui uomini, donne e bambini di ogni origine, consapevoli o non, contribuiscono a determinarne il deterioramento. Nella clip compaiono immagini d’impatto e reali che scorrono ormai con naturale freddezza; flashback insistenti di avvenimenti ai quali si alterna l’invito a reagire sottolineato dal carattere spensierato dei ritornelli. Frasi come no no puede llover pa siempre o yo quisiera volver a estar en las calles del paraiso racchiudono il messaggio che i Siciliano Sono vogliono trasmettere. Testo, musica e video rappresentano una combinazione artistica perfetta che auspica a liberare la mente e l’animo di ogni individuo costretto ad essere la pedina di un sistema che imprigiona fisicamente e psicologicamente.

– Voi siete siciliani ma la vostra musica ha atmosfere spagnole. Anche i vostri testi sono in spagnolo. Com’è nata questa passione?
In realtà la nostra musica non si ferma soltanto su atmosfere spagnole…da siciliani appunto siamo abituati da diversi secoli a miscelare le tradizioni che ci appartengono con quelle dei tantissimi popoli come greci, romani, barbari, bizantini, arabi, normanni, aragonesi (spagnoli) ecc. che hanno attraversato e conquistato la Sicilia. Così proponiamo un ibrido di suoni latini, ska, reggae e pop e in tal senso siamo stati quasi “obbligatamente” condizionati da tutto ciò che ha contribuito a rendere così straordinaria la nostra isola. La musica è universale e in grado di trasmettere un messaggio semplice e chiaro alla gente.

– Pensate mai di fare canzoni in italiano?
Certo, e in effetti ci sono. La nostra particolarità è quella di collegare tantissimo il linguaggio al messaggio; con lo spagnolo abbiamo trattato temi globali e argomenti condivisi perfettamente da tutta l’America Latina. Con l’utilizzo dell’italiano abbiamo cercato invece di toccare le corde arrugginite del nostro paese senza distinzioni tra nord e sud. Dulcis in fundo il dialetto siciliano che non fa dimenticare le nostre radici e attraverso il quale rimarchiamo il nostro “essere siciliani”, l’appartenenza a vedere le cose in una determinata maniera.

– Con la promozione come va? Riuscite a portare la vostra musica fuori dall’Italia?
La promozione fuori dall’Italia va molto bene. Già i primi numeri parlano chiaro. Abbiamo raggiunto in meno di un mese 50000 visualizzazioni sul video di “Mundo Malo” e le nostre pagine sui social sono molto seguite anche all’estero. Inoltre, qualche giorno dopo la pubblicazione del singolo siamo stati ospiti in streaming di una radio messicana entusiasta del nostro lavoro.

– E in Italia come va? Venite apprezzati?
Per quanto riguarda la promozione in Italia non possiamo certo lamentarci…sentiamo molto l’abbraccio della nostro pubblico che ci motiva e ci apprezza. A ciò aggiungiamo anche un forte riscontro al sud in generale. Certo che non si può non considerare una situazione negativa generale della musica italiana che ristagna nelle solite cose fomentando la paura forse di conoscere o di provare qualcosa di nuovo.

– E’ difficile fare musica come la vostra in Italia o magari l’immediatezza dei pezzi vi facilita?
In Italia non è assolutamente difficile proporre il nostro genere. La gente apprezza molto ed è coinvolta, vuole ballare; la nostra musica trasmette una ventata di allegria che sfocia sempre in una incalzante festa per qualsiasi età. Il pubblico vuole divertirsi e ridere dopo una giornata stressante di lavoro (quando c’è) o dopo troppi Tg che parlano sempre e solo di cronaca o della fine del mondo…semmai è difficile contrastare la solita minestra musicale che ci propongono continuamente.

– Prossimi progetti?
Siciliano sono è un cantiere sempre vivo e in evoluzione. Abbiamo appena terminato il nuovo album. Stiamo lavorando per il nuovo tour e alla realizzazione di altri video legati a singoli successivi che usciranno a breve, abbiamo già diverse idee per un nuovo lavoro ma forse è meglio non rovinare la sorpresa!!!