Crea sito

SABATO 11 MARZO, AL BENICIO LIVE GIGS DI GIAVERA DEL MONTELLO (TV), UN CONCERTO IMPERDIBILE DEI FOLKABBESTIA CHE FESTEGGIANO VENT’ANNI DI ATTIVITA’, REGISTRANO UN VIDEO DAL VIVO DURANTE LA SERATA DEL SINGOLO TRATTO DAL DISCO IN USCITA A MARZO

SABATO 11 MARZO,

UN CONCERTO IMPERDIBILE DEI FOLKABBESTIA

CHE FESTEGGIANO VENT’ANNI DI ATTIVITA’

REGISTRANO UN VIDEO DAL VIVO DURANTE LA SERATA

PER IL PRIMO SINGOLO TRATTO DAL NUOVO DISCO

IN USCITA A MARZO

SABATO 11 MARZO

Giavera del Montello

@ Benicio Live Gigs

Via Eligio Porcu 63,

Folkabbestia

al Benicio Live Gigs!

una serata unica

durante il concerto verrà registrato il video promo ufficiale del prossimo disco. Un motivo in più per partecipare!

Apertura porte: 23.00

Inizio live: 23.15

Ingresso 5€, NO TESSERE

E IN ATTESA DEL NUOVO VIDEO

LA BAND CI REGALA UN VIDEO GIRATO AL PRESTIGIOSO FESTIVAL DI SZIGET

https://www.youtube.com/watch?v=nmE27gTvcVo

 

≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈

 

FOLKABBESTIA

I Folkabbestia sono una vera festa itinerante, un viaggio su una sedia a dondolo tra territori balcanici, paesaggi irlandesi e calore pugliese. Ogni loro concerto è un’immersione nella tradizione italiana, stropicciata con fantasia, ironia e mutazioni stilistiche che spaziano dal folk al rock, dalla canzone d’autore a quella popolare, dallo ska al punk. Sono entrati nel “Guinness dei primati” come detentori del record per l’esibizione musicale più lunga del mondo, suonando la stessa canzone per 30 ore di seguito.

Se volete lasciar scorrere energia e passione, fatevi travolgere dai Folkabbestia!

 

Sono parecchie le curiosità da ricordare quando si parla dei Folkabbestia, dalla ormai famosa “30 ore”, esibizione ininterrotta della stessa canzone per entrare nel Guinness dei primati, tenuta presso l’Auditorium Demetrio Stratos a Milano e trasmessa in diretta da Radio Popolare, alla partecipazione di prestigio come la diretta del settembre 2003 per la BBC da Milano durante l’incontro per le qualificazioni mondiali di calcio Italia – Galles, alla colorita performance al Mantova Musica Festival del 2004 dove i “nostri” si presentano vestiti da carte napoletane, al concerto a sostegno dei lavoratori della Fiat Sata di Melfi (PZ), alla marcia per la pace Perugia-Assisi, al concerto per il Social Forum Europeo tenutosi a Firenze nel 2002, al Festival Interceltico di Lorient (Francia), al Mostar Intercultural Festival (Bosnia), ad Arezzo Wave Love Festival, a Santarcangelo dei Teatri, al Raduno di Caterpillar fino ad un tour “tedesco” con tappe in Germania, Svizzera, Austria che culminano in uno strepitoso concerto al Zapata Cafè di Berlino. Nel settembre 2005 vengono anche invitati da Luciano Ligabue a suonare al mega concerto del campo volo di Reggio Emilia e con l’uscita di ”25-60-38” i Folkabbestia raggiungono l’apice delle collaborazioni prestigiose duettando con Franco Battiato nel rifacimento de “L’avvelenata” di Francesco Guccini, e con Caparezza ed Erriquez (Bandabardò) in “Tre Briganti e Tre Somari”. Nel 2006 vincono il “Premio Carosone” e nel 2008 il premio “Matteo Salvatore”. Nel 2008 esce “Il segreto della felicità”. Le canzoni “Il segreto della felicità” e “Potere alla poesia” vanno in rotazione in numerose radio ed entrano nella classifica dei dieci brani di artisti indipendenti più trasmessi dalle radio italiane. La canzone “Il sogno di Mhedy” è candidata al Premio Amnesty Italia 2009. Nel 2010 viene pubblicato dalla Sunny Cola / Universal il loro ultimo album “Girano le pale”.

Nel 2011 partecipano alla trasmissione televisiva “Radici” sull’emittente Telenorba e alla trasmissione “Chi se ne frega della musica” sull’emittente nazionale DeeJay TV. Aprono il concerto dei Gogol Bordello in occasione del Festival Acqua in Testa a Bari. Nel corso dell’estate il “Girano le pale Tour” li vede impegnati in numerose date in tutta Italia e tra agosto e settembre in Portogallo con la partecipazione al Festival Sete Sois Sete Luas. Dal 2013 ad oggi proseguono il “Girano le pale tour” e alcune loro canzoni sono inserite nella colonna sonora del film di Vito Cea con Uccio De Santis “Non me lo dire”.