Crea sito

il video de I PROFUGY tratto dall’ep LA NOSTRA COMUNITA’

 

profugy

https://youtu.be/4zC90xzV60w 

Tutto nasce dalla voglia di raccontare storie, storie reali, di persone disadattate o escluse dalla società perché fuori dalla linea di pensiero o dei costumi odierni, quelli di una civiltà attaccata a falsi valori e a banalità che pilotano le scelte di ogni individuo.

Il disco è in un certo modo una sintesi del nostro di pensiero, è il nostro manifesto, un’anticipazione di quello che abbiamo ancora da raccontare.

A caratterizzare il tutto traspare una vena sarcastica e provocatoria, una sorta di sfida a convincere l’ascoltatore che quel che diciamo può in qualche modo rispecchiare la sua realtà o quella di un suo conoscente.

E’ proprio l’estremizzazione della realtà, il voler mettere in ridicolo la società di oggi, la caratteristica predominante dell’ep.

La nostra comunità è un’ideologia di pensiero, vivere senza pregiudizi, nè vincoli, senza distrazioni sociali.

 

BIOGRAFIA

I profugy nascono nella primavera del 2014, ma anche no, nascono molto prima, forse nell’estate del 2010, quando attorno ad un fuoco acceso, in spiaggia,di notte, chitarra alla mano iniziavamo a canticchiare e suonare canzoni coinvolgenti, sia per accompagnare baci occasionali di amori estivi, sia per far smaltire le innumerevoli birre bevute da amici ubriaconi bisognosi di ballare e cantare.
Ci affiliammo questo nome “profughi”, poi diventato “Profugy”,perché’ la nostra                   musica si spostava continuamente, sia fisicamente che di genere, abbandonava posti fantastici per bisogno innato di scoprirne altri, cantavamo quel che ci succedeva ,quel che capitava durante i nostri viaggi.
Oggi succede lo stesso. Raccontiamo lo stato d’animo di un giovane a contatto                   con la società, di quelle persone che passano inosservate, delle convenzioni, delle false verità’, dell’indifferenza che uccide, con il nostro stile ironico e provocatorio accompagnato da un genere folk, a tratti reggae-ska, di formazione acustica.
Il progetto nasce per opera di Massimiliano Lauritano e Nunzio Stefanile.

Oggi i Profugy sono:

Massimiliano Lauritano // voce-chitarra-ukulele-kazoo
Francesco Pandico // batteria-percussioni
Francesco Petrone // chitarra-banjo
Luca Buonaiuto // basso